British Cemetery – 27 marzo 1904, 113 anni dalla sua consacrazione

Fig. 1 – Le lapidi apposte all’ingresso del portale nel British Cemetery

Il 27 marzo del 1904 veniva consacrato dal vescovo anglicano di Gibilterra, William Edward Collins, il terreno con le tombe della comunità inglese – provenienti dal vecchio cimitero di S. Benigno – ora nella loro nuova collocazione come “British Cemetery” nel cimitero monumentale di Staglieno.

Fig. 2 – Il vescovo Williams Edward Collins

Pochi giorni prima era stata ufficializzata la cessione di questo terreno, da parte del Consiglio Comunale, che apriva la sua seduta proprio con questa pratica.

Fig. 3 – L’articolo del “Lavoro” del 25 marzo 1903
Gli interventi di pulizia nel “British Cemetery”

Dopo l’eliminazione delle erbe infestanti e dei rampicanti, che avevano avvolto i muri e il terreno, intervento fatto in questi ultimi anni da parte dell’Associazione “Per Staglieno” ONLUS, ora sto procedendo alla catalogazione delle sepolture e la trascrizione di quanto inciso sulle relative lapidi.

Fig. 4 – L’area Nord prima dell’ultimo intervento

Questi dati saranno disponibili successivamente online per eventuali ricerche in merito alle sepolture presenti. A seguito del primo censimento, che ho effettuato nel novembre scorso e dopo una pulizia più approfondita del terreno, con le eliminazione delle piante più infestanti e di parte del terreno che le ricopriva da anni, sono venute alla luce 19 lapidi (una parte di esse in figg. 6 e 7), che vanno ad aggiungersi alle altre centosei. Queste sepolture sono posizionate su due appezzamenti di terreno (area Nord e area Sud) situati nel primo terrazzo. Anche nel secondo terrazzo si trovano alcune lapidi riconducibili al vecchio cimitero ancora in fase di verifica.

Fig. 5 – Una fase della pulizia nell’area Nord

Fig. 6 – Area Sud alcune tombe riemerse dopo la pulizia del terreno
Fig. 7 – Area Sud dopo la pulizia
Fig. 8 – Una tomba prima e dopo l’eliminazione delle erbacce e del terreno che la copriva
Precedente Evasio Radice: "Britain, this great country" Successivo William Humphrys, lo storico incisore di francobolli