Crea sito

“Il lungo Henry” o il peso della storia

Questo è un articolo scritto da due miei amici svizzeri, Prisca Roth e Guadench Dazzi, conosciuti durante le loro ricerche storiche, ricerche che gli hanno impegnati per parecchi mesi qui a Genova. Mi scuso con gli autori e con i lettori di eventuali errori nella  mia traduzione dal tedesco.

https://www.recordari.ch/blog/der-lange-heinrich-oder-das-gewicht-der-geschichte

Prisca Roth e Guadench Dazzi, i due ricercatori svizzeri

«Dalla nostra terrazza sul tetto è possibile vedere parti del porto di Genova con le sue varie gru, che torreggiano 80 metri e oltre. Una spicca immediatamente: è grossa, grigia e ha una croce antica come la Torre Eiffel a Parigi. “Il Lungo Enrico”, come la chiamano affettuosamente i genovesi, è, come tanti in questa città portuale, un immigrato. A differenza dei molti nigeriani, dominicani e magrebini, l’Heinrich non viene dal sud ma dal profondo nord.

“Il lungo Henry” visto da un terrazzo di un palazzo del centro storico

Heinrich fu costruito nel 1915 per il cantiere navale imperiale di Wilhelmshaven. Per le navi da guerra sempre più grandi, era necessaria una gru potente e alta. Con un’altezza di circa 80 metri e una capacità di sollevamento di 250 tonnellate, Heinrich è stata la stella delle gru portuali.

Inoltre, “Il lungo Henry” è una gru galleggiante, significa che è montato su una grande piattaforma e può essere spostato avanti e indietro in un bacino portuale. Dopo la fine della prima guerra mondiale, gli inglesi lo confiscarono come risarcimento. D’ora in poi, “Henry” avrebbe dovuto fare il suo dovere in un cantiere navale inglese. Nella traversata, tuttavia, ci furono dei grossi problemi nel mezzo della Manica, tanto che gli inglesi dovettero decidere di far affondare la gru – per la gioia dei tedeschi – o di trascinarlo di nuovo a Wilhelmshafen.

Dopo la seconda guerra mondiale, Henry fu nuovamente “catturato”, ora dagli americani, che lo utilizzarono per i loro scopi a Bremerhaven. Fu solo nel 1958 che fu restituito alla Repubblica Federale di Germania. Questa la vendette negli anni ’80 a un armatore greco, che a sua volta cercò di trascinare la gru galleggiante sul mare aperto a casa sua, cosa che non ebbe successo. Poco dopo, un cantiere genovese acquistò la gru. In una elaborata campagna di spedizioni che durò diverse settimane, gli italiani riuscirono a portare l’ormai settantenne Heinrich prima in Sardegna e poi a Genova.

“Il lungo Henry” nel porto di Genova

Dal 1997 Heinrich è a casa a Genova. Come “monumento di archeologia industriale” è protetto dal Ministero della Cultura italiano ed è stato restaurato e riparato insieme al suo supporto. Nel frattempo, in Germania ci sono circoli che vogliono riavere il Langen Heinrich come monumento della storia e dell’industria tedesca. Tuttavia, i genovesi sono orgogliosi dei loro immigrati dalla Germania settentrionale e hanno dedicato la propria homepage:

http://www.langerheinrich.it/it/index.php

Ma per quanto riguarda il permesso di lavoro di Heinrich? Può il tedesco sollevare ancora nella Calata delle Grazie o è già troppo vecchio per questo lavoro estenuante? Alle persone non autorizzate e ai marinai d’acqua dolce è negato l’accesso qui: “Area portuale”»